· 

The Report (2019)

THE REPORT | RECENSIONE di ALESSANDRO PIN | DESTINAZIONE COSMO
🎬 SCHEDA

TITOLO ORIGINALE

The Report

PRODUZIONE

Scott Z. Burns, Jennifer Fox, Danny Gabai, Eddy Moretti, Kerry Orent, Steven Soderbergh, Michael Sugar

REGIA

Scott Z. Burns

SCENEGGIATURA

Scott Z. Burns

CAST

Adam Driver, Annette Bening, Jon Hamm, Jennifer Morrison, Tim Blake Nelson, Matthew Rhys, Ted Levine, Michael C. Hall, Maura Tierney, Sarah Goldberg, Lucas Dixon, Dominic Fumusa, Scott Shepherd, Joanne Tucker, Douglas Hodge, Corey Stoll, T. Ryder Smith, Fajer Al-Kaisi, Zuhdi Boueri, Linda Powell, Ben McKenzie, Carlos Gómez, Joseph Siravo

COLONNA SONORA

David Wingo

FOTOGRAFIA

Eigil Bryld

MONTAGGIO

Greg O’Bryant

SCENOGRAFIA

Ethan Tobman, Rich Devine

COSTUMI

Susan Lyall

🖋️ Recensione

La tragedia dell’11 settembre spinge Daniel Jones a intraprendere una carriera nella National Security Agency degli Stati Uniti. Nel 2009, mentre lavora per il Select Committee on Intelligence, Jones è incaricato dalla senatrice Dianne Feinstein di redigere un rapporto investigativo sull’uso, da parte della CIA, di disumane tecniche di interrogatorio per estorcere informazioni da sospetti terroristi. Il motivo che porta all’inchiesta è la rivelazione che la CIA abbia distrutto centinaia di ore di nastri contenenti i filmati degli interrogatori.

 

Jones impiega i successivi cinque anni per esaminare circa 6,3 milioni di documenti e far luce sul caso. A livello narrativo, l’idea che un esaminatore analizzi dei file non promette necessariamente un’esperienza alla pari di Tutti gli uomini del presidente di Alan J. Pakula; tuttavia, il potenziale di The Report si evince splendidamente dal ritratto di una storia vera di ingiustizia che attraversa il profondo buco nero generato dalla burocrazia. Le scene dei prigionieri, sbattuti contro le pareti, incatenati, ridotti allo stremo e soggetti al waterboarding a più riprese, sono incredibilmente viscerali. L’inchiesta si sviluppa su due binari: mentre Jones porta alla luce le torture inflitte, uno sguardo è puntato sulle convinzioni dei capi della CIA secondo cui le subdole tattiche coercitive impiegate siano state giustificate da un bene più alto a difesa degli Stati Uniti.

 

Adam Driver dimostra di essere uno degli attori più promettenti di Hollywood: riesce a trasmettere l’implacabile determinazione di Jones, parimenti al senso di frustrazione mentre arriva a patti con l’idea che il suo rapporto potrebbe non vedere la luce. Nota di merito anche per Annette Bening che dà il volto alla stoica senatrice della California.

 

Scott Z. Burns rende accessibile la cronaca di una delle indagini più articolate e complesse degli Stati Uniti, condensando in un lungometraggio migliaia di pagine di rapporto; in mani diverse, sarebbe potuto risultare facilmente un difficile esercizio documentale, imbastito di gergo politico. In definitiva, The Report getta uno sguardo terribilmente autentico su uno dei capitoli più oscuri della storia americana, da cui trarre una lezione sull’importanza di perseguire la verità.

🎞️ TRAILER


Articolo di Alessandro Pin

🎥 CINEMA


📖 Letteratura